Olio d’oliva, quale scegliere?

Test di olio d’oliva al Rotary Firenze Nord

FIRENZE – Su tutte e due le bottiglie d’olio c’è scritto «Extra vergine di oliva». La prima, da mezzo litro, costa 15 euro. La seconda, da un litro, costa 3,60 euro. Come comportarsi? Di questo e di altri aspetti riguardanti il tema della sicurezza alimentare hanno parlato i Carabinieri Forestali al Rotary Firenze Nord mercoledì 2 ottobre, ospiti alla conviviale «Dalle olive all’olio toscano». 

ATTENTI ALLE FRODI

Colonnello Maurizio Folliero, comandante Regione Carabinieri Forestale Toscana

Frodi sanitarie e frodi commerciali. In una parola si potrebbe dire che le prime colpiscono la salute, le altre … il portafoglio favorendo un illecito profitto a danno del consumatore. Il colonnello Maurizio Folliero, comandante della Regione Carabinieri Forestale Toscana, ne ha sottolineato i diversi aspetti: dalla sofisticazione all’adulterazione, dall’alterazione alla vera e propria contraffazione.  (Vedi qui in dettaglio). Vi sono casi anche di commercializzazione nel mondo di prodotti con nomi che possono indurre in errori di interpretazione. Dalla busta di formaggio con il nome «Parmesan», alla «Pasta Schuta», al «Prisecco» invece di Prosecco. 

I SEGRETI DELL’ETICHETTA

Per essere «sicuro» un alimento deve essere riconoscibile e rintracciabile. La prima regola base, prima di fare un acquisto consapevole – come ha ricordato il tenente colonnello Loriana Armellini del Gruppo Firenze – è quella di leggere bene l’etichetta di un prodotto. Elementi obbligatori sono:

  • la denominazione dell’alimento
  • l’elenco degli ingredienti
  • allergeni
  • la quantità netta dell’alimento
  • il termine minimo di conservazione (TMC) o la data di scadenza
  • modalità di conservazione
  • il nome o la ragione sociale dell’operatore
  • la dichiarazione nutrizionale

Obbligatoria anche l’indicazione del paese d’origine/luogo di provenienza del prodotto. Nel caso delle due bottiglie d’olio citate all’inizio, la prima riportava il nome di una località toscana, l’altra «origine UE». 

Il tenente colonnello Loriana Armellini durante il suo intervento
Il tenente colonnello Loriana Armellini durante il suo intervento

ALLA PROVA DELL’OLFATTO 

Molto apprezzata la «prova olfattiva» di quattro diverse qualità di olio. Un vero e proprio test che ha coinvolto tutti i presenti alla conviviale rotariana, ciascuno dei quali ha espresso una valutazione sul livello di gradimento degli olii contenuti in anonimi bicchierini distribuiti tra i tavoli. Al termine i risultati, verificati anche da un notaio presente alla cena, hanno dato all’unanimità il 1° posto a quell’olio che, si è saputo solo dopo, è quello che in commercio costa di più. «Peccato che il test olfattivo non possa essere fatto al supermercato, prima scegliere una bottiglia» ha commentato ironicamente qualcuno. «Già, ma almeno perdi qualche momento in più per leggere bene l’etichetta, altrimenti non lamentarti» gli ha ribattuto subito il suo vicino di tavolo. 

PRO MEMORIA PER IL CONSUMATORE

Ecco le schede della presentazione al Rotary Club Firenze Nord da parte dei Carabinieri Forestali. Scarica qui

CARABINIERI FORESTALI

Nel 2016 è stato deciso l’assorbimento del Corpo Forestale dello Stato nell’Arma dei Carabinieri. È stato così istituito il «Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari» dal quale dipendono reparti dedicati all’espletamento di compiti in materia di tutela dell’ambiente, del territorio e delle acque, nonché nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare, a sostegno o con il supporto dell’organizzazione territoriale dell’Arma. 

Il Comando dipende gerarchicamente dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri e funzionalmente dal Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali per le materie afferenti alla sicurezza e tutela agroalimentare e forestale. Del Comando, inoltre, si avvale il Ministro dell’ambiente e tutela del territorio e del mare, limitatamente allo svolgimento delle specifiche funzioni espressamente riconducibili alle attribuzioni dello stesso Ministero.

La Regione Carabinieri Forestale Toscana ha sede a Villa La Favorita in piazza Edison a Firenze, al comando del colonnello Maurizio Folliero. Vi dipendono i 10 Comandi Gruppo in ciascuna provincia della Toscana, ai quali fanno capo complessivamente 70 stazioni di Carabinieri Forestali dislocate in tutta la regione. 

da sin. colonnello Maurizio Folliero, il presidente del RC Firenze Nord Sandro Addario e il tenente colonnello Loriana Armellini
da sin. colonnello Maurizio Folliero, il presidente del RC Firenze Nord Sandro Addario e il tenente colonnello Loriana Armellini

GALLERIA FOTO

VIDEO

Sai cosa mangi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *