Il Numero Unico di Emergenza NUE 112 ospite al Rotary (Video)

Un'operatrice della Centrale Unica di Risposta del NUE 112 in Toscana
Un’operatrice della Centrale Unica di Risposta del NUE 112 in Toscana

FIRENZE – Avete bisogno di soccorso immediato? Non sapete con certezza dove vi trovate o non avete la possibilità di dirlo? Una chiamata al Numero Unico di Emergenza (NUE) 112 ed una App gratuita del vostro smartphone possono davvero allungare la vita, parafrasando un noto slogan pubblicitario passato alla storia. 

In un Interclub online promosso dai Rotary dell’area fiorentina il 21 aprile, al quale è intervenuta il prefetto di Firenze Alessandra Guidi, è stato presentato il 112 (uno-uno-due), numero di emergenza europeo ora attivo in tutta la Toscana. Tutte le chiamate di soccorso fatte al 112 dei Carabinieri, al 113 della Polizia, al 115 dei Vigili del Fuoco, al 118 dell’emergenza sanitaria vengono ora automaticamente dirottate sulla Centrale Unica di Risposta del Nue 112. Un operatore risponde entro qualche secondo e, in base all’emergenza segnalata, passa la chiamata alla centrale di soccorso più idonea. 

APP «112 WHERE ARE U»

L'App '112 Where Are U' può accelerare i tempi del soccorso
L’App ‘112 Where Are U’ può accelerare i tempi del soccorso

Ausilio fondamentale può essere anche l’utilizzo di una App, attiva già da tempo ma non ancora conosciuta da tutti. Si tratta di «112, Where Are U». Scaricabile gratuitamente, consente di mettersi subito in contatto con il Nue 112 in tre modalità: vocale, muta, chat. Determinante ad esempio quando si sentono rumori di estranei in casa o quando non si ha la forza di parlare per un infortunio o un malore. 

L’App riesce ad individuare con ottima precisione l’indirizzo e la posizione geografica di chi chiama. Può davvero salvare una vita. Ad esempio in un incidente stradale avvenuto di notte in una strada poco trafficata, come si fa a dire con rapidità ed esattezza dove ci si trova? Utilizzando l’App, all’operatore del Nue 112 al momento della chiamata arrivano in tempo reale anche le coordinate del luogo da cui si chiama. 

Opportuno anche, al momento di scaricare per la prima volta l’App, indicare il proprio nome oltre a quelli di persone eventualmente da contattare. Sono i cosiddetti «Ice» (in caso di emergenza), nominativi e relativi numeri telefonici di persone che potrebbe essere necessario avvisare del motivo dell’emergenza richiesta. Naturalmente, purtroppo, i casi più gravi. Sono tutti dati che compaiono in automatico sul video dell’operatore del Nue 112 e che vengono ritrasmessi in tempo reale alla centrale di secondo livello (Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco, Soccorso sanitario). In sintesi: la centrale del Nue 112 gestisce la chiamata, la centrale di soccorso gestisce l’intervento. 

STORIA E VANTAGGI DEL NUE 112

Il prefetto di Firenze Alessandra Guidi durante l'interclub dei Rotary
Il prefetto di Firenze Alessandra Guidi durante l’interclub dei Rotary

Il prefetto Guidi ha tenuto una relazione dove ha, tra l’altro, illustrato la genesi a livello europeo del numero unico di emergenza 112, già attivo in molti paesi. In Italia sta gradualmente aumentando la copertura nelle varie regioni. Ultima in ordine di tempo proprio la Toscana, che in meno di 5 mesi (dicembre 2020-aprile 2021) ha esteso il servizio a tutti i distretti telefonici della regione.  

Non va dimenticato – ha ricordato il prefetto di Firenze – che il Nue 112 svolge anche un’importante azione di filtro, per le tante telefonate «improprie» che arrivavano alle centrali di soccorso. Come le richieste di semplici informazioni (viabilità, scioperi dei mezzi pubblici, orari degli uffici e tante altre) che di fatto occupavano linee telefoniche, mentre nel frattempo era in coda una vera e urgente richiesta di aiuto. 

LINEA DIRETTA CON GLI OPERATORI DELL’EMERGENZA

Numerosi gli ospiti intervenuti alla serata, trasmessa anche in diretta streaming. Con il dottor Alessio Lubrani (Direttore della Centrale Unica di risposta CUR del Nue 112) erano presenti l’ingegner Giuseppe Romano (Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco), il dottor Simone Magazzini (Direttore del 118 Firenze e Prato), il colonnello Francesco Zamponi comandante provinciale Carabinieri Prato, il comandante dei Vigili del Fuoco di Siena  Luca Nassi, il vice questore Alfonso Di Martino della Questura di Firenze, il tenente colonnello Carmine Rosciano comandante Reparto Operativo del comando provinciale Carabinieri Firenze. Ciascuno ha portato la propria testimonianza sulle fasi di avvio in Toscana del Nue 112 in un vero e proprio talk show di domande e risposte andato avanti per circa due ore. 

All’incontro online, organizzato dai Rotary fiorentini, erano presenti soci rotariani di Firenze e Toscana. Tra loro anche i PDG Pietro Terrosi Vagnoli, Franco Angotti, Arrigo Rispoli e Mauro Lubrani. Presenti anche alcuni giovanissimi soci dell’Interact di Siena. Al termine un saluto è stato portato dal Governatore Designato 2022-23 del 2071° Distretto Nello Mari, che ha auspicato che l’argomento sull’emergenza 112 possa essere ripreso e sviluppato anche da altre realtà del Distretto rotariano toscano. 

I NOSTRI VIDEO

SINTESI DELLA DIRETTA STREAMING DELL’INCONTRO

.

FLASH NELLE SALE OPERATIVE DEL SOCCORSO A FIRENZE

logo W

Sina Villa Medici, Autograph Collection
Via Il Prato, 42 , 50123 Firenze

segreteriafirenzenord@gmail.com

+39.055.277171


Edizione 2021 Rotary Club Firenze Nord. Tutti i diritti riservati


Privacy Policy